Home | Versione accessibile | Link | Ricerca personale | Mappa del sito | Contatti
Questo non  un rifiuto
Indietro

NEWS

genova-teaser 200x200
5 11 2015

Parte nei quartieri collinari la rivoluzione “porta a porta” a Genova

Saranno le alture di Quarto, Marassi e Prà, le prime aree genovesi interessate dal porta a porta. Le attività di comunicazione istituzionale e di verifica della parte logistica-strutturale sono già iniziate da diverse settimane e dal mese di gennaio la macchina organizzativa Amiu sarà pronta a distribuire i kit (mastelli) “personalizzati” a quasi 4.500 famiglie. Sono tre i percorsi sui cui Amiu si muoverà per arrivare ad una percentuale di raccolta differenziata del 50% a fine 2016, secondo quanto previsto e richiesto dal comune di Genova. Il primo passo sarà l’introduzione della raccolta differenziata porta a porta di organico, plastica e lattine, vetro, carta, cartone e secco non riciclabile negli insediamenti collinari di Quarto alta e Colle degli Ometti, Marassi alta (Biscione) e il quartiere San Pietro tra Pegli e Prà. Ma la vera novità del nuovo sistema è l’utilizzo di un tag (microchip) installato nei contenitori: i rifiuti saranno automaticamente rilevati dai mezzi dotati di apparati di radiofrequenza all’atto della raccolta. I dati di svuotamento saranno poi trasmessi al sistema informatico Amiu, che registrerà: il codice utente, la data e l’ora del ritiro, il veicolo utilizzato per il servizio. Parallelamente, come seconda direttiva, sarà messa a sistema la raccolta dell’organico presso le grandi utenze come: uffici pubblici, tribunali, mense universitarie e ospedaliere. E infine, in terza battuta, Genova dovrà aumentare le quantità di carta e di cartone provenienti da uffici pubblici e dai commercianti, partendo da una ricerca di mercato specifica fatta in collaborazione con Comieco (Consorzio Nazionale per la raccolta di carta e cartone), con lo scopo di riorganizzare la raccolta di tale tipo di rifiuto, che per il 20% finisce ancora in discarica. Inoltre è in fase di definizione la stipula del protocollo d’intesa tra Comune di Genova, Conai (Consorzio nazionale imballaggi) e Amiu per la predisposizione di un piano di fattibilità del sistema integrato della gestione dei rifiuti per la città di Genova.