23 Gennaio 2024

AZIONI E SANZIONI A CAMPOLIGURE

Azioni e sanzioni sul territorio comunale per contrastare l’abbandono rifiuti   attraverso la collaborazione tra il comune di Campo Ligure, il corpo della Polizia Locale e AMIU Genova.

Grazie all’installazione di telecamere in due punti della cittadina, nel novembre scorso, è stata garantita la videosorveglianza di alcune postazioni formata da contenitori dedicati alla raccolta differenziata e al secco residuo.

La scelta è caduta su due postazioni considerate critiche proprio per il frequente abbandono rifiuti in piazza Carlotto nel Centro Storico e in piazza Marconi vicino alla locale stazione ferroviaria.

I video hanno registrato nel loro primo periodo di attività, da novembre a fine dicembre, diverse irregolarità sia da utenti a piedi, sia con automezzi per un totale di oltre un centinaio di infrazioni riscontrate.

Sottolinea Giovanni Oliveri, sindaco di Campo Ligure: «siamo soddisfatti dei risultati di questa sperimentazione attraverso la quale è stato anche possibile rilevare alcuni punti di miglioramento dell’attuale sistema di raccolta soprattutto nella raccolta differenziata della carta e cartone. Allo stesso tempo chi abitualmente infrange la norma pensando di non incorrere in alcuna sanzione per il proprio comportamento avrà modo di ricredersi. Rimane ferma l’intenzione dell’amministrazione di diffondere questo sistema in altri punti del nostro territorio».

Aggiunge Giovanni Battista Raggi, presidente AMIU Genova: «Le azioni sanzionatorie arrivano dopo alcuni periodi di tolleranza e di attività di comunicazione da parte di AMIU, che devono comunque convincere i più riottosi oppure distratti cittadini che ogni azione nel campo ambientale ha delle conseguenze. Da poco tempo la legge 137/2023 ha modificato il Codice dell’ambiente, introducendo una pena pecuniaria da 1.000 a 10mila euro per chi compie il gesto incivile e dannoso per l’ambiente che l’abbandono dei rifiuti rappresenta».