Torna a Servizi

Vetro

Il vetro è un materiale ottenuto fondendo ad altissime temperature (circa 1.500 gradi) una miscela composta da sabbia silicea, soda (carbonato di sodio) e calcare. Se abbandonato nell’ambiente, il vetro si degrada in tempi lunghissimi, mentre si può riciclare infinite volte. Riciclare il vetro significa raccoglierlo separatamente, frantumarlo e rimescolarlo con altra soda e calcare, fondendolo a temperature molto inferiori rispetto a quelle necessarie con il materiale vergine. Questo permette un notevole risparmio energetico ed economico sulle fase di estrazione e fusione delle materie prime.

Per riciclare il vetro:

  • usa esclusivamente i contenitori di colore verde
  • non introdurre ceramiche e porcellana: questi materiali hanno un punto di fusione diverso e possono danneggiare grosse quantità di vetro in fase di lavorazione
  • introduci nelle campane il vetro libero da ogni materiale estraneo: tappi, etichette, coperchi. Essi vanno riciclati singolarmente a seconda del materiale
  • preferisci la confezione di vetro come vuoto a rendere: consente un risparmio di materie prime e di energia

PUOI INTRODURRE nel contenitore VERDE

  • bottiglie e bicchieri
  • vasetti, barattoli e contenitori di vetro di qualsiasi colore, senza tappo

 

NON INTRODURRE nel contenitore VERDE
Ceramica e porcellana (stoviglie intere o rotte), specchi, vetri per finestre, vetro retinato, lampadine e tubi al neon, schermi di TV e monitor, barattoli con resti di colori o vernici, materiali diversi come cristalli

Nota bene: prima di gettare i rifiuti nei contenitori ricordati di sciacquarli per togliere i residui

Il materiale raccolto è inviato al Consorzio COREVE o direttamente alle vetrerie. Servirà per realizzare altro vetro, additivo per asfalti e altri prodotti per l’edilizia