Tari

ATTENZIONE: DISPOSIZIONI CORONAVIRUS
A seguito dell’emergenza sanitaria ed in ottemperanza al Dpcm 9 marzo 2020, recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale, l’ufficio TARI è aperto solo tramite gli strumenti di comunicazione a distanza.
Per avere una consulenza sulla TARI si può prenotare un appuntamento telefonico con lo sportello virtuale cliccando qui.
Altri strumenti di comunicazione sono:
Mail:  tari@amiu.genova.it

Call center: 800 18 49 13 (orario: lunedì – venerdì dalle 09,00 alle 18,00)

Tramite gli indirizzi di posta elettronica è possibile svolgere ogni tipo di pratica: segnalazioni, richiesta di chiarimenti, duplicati, rateizzazioni, dichiarazioni di iscrizione, variazione, cessazione (si prega di inviare le richieste ad un solo indirizzo di posta elettronica per evitare inutili duplicazioni).


Con la Legge 27 dicembre 2013 n. 147 e s.m.i. dal 01/01/2014 è stata istituita la TARI (Tassa sui Rifiuti), facente parte dell’Imposta Unica Comunale (IUC). Amiu si occupa della gestione della nuova tassa per conto del Comune di Genova, così com’è avvenuto per TARES (Tributo sui Rifiuti e sui Servizi indivisibili) in vigore nel 2013 e per TIA (Tariffa di Igiene Ambientale) rimasta in vigore dal 2006 al 2012.
Per scoprire che cosa sono TIA, TARES e TARI e come funzionano, clicca sul menu qui sotto.

 

ATTENZIONE:  il personale addetto alla gestione TARI del Comune di Genova o di AMIU non può suonare alla porta delle private abitazioni dei cittadini per misurare le superfici da tassare o per altri fini relativi all’applicazione della tassa, senza un precedente accordo con l’utente e un  formale preavviso.
 Se qualcuno dovesse presentarsi come operatore del Comune o di AMIU, segnalare l’accaduto alle forze dell’ordine (al numero 112) e agli uffici (al numero 010.89 80 800).